Home / Portfolio / Corso in conduzione dell’oliveto e di gestione del frantoio

Corso in conduzione dell’oliveto e di gestione del frantoio

Inserito il

875 Visualizzazioni

Sezione 3, Percorso formativo: Corso In Conduzione Dell’Oliveto E Di Gestione Del Frantoio

Sezione Sezione 3 – Offerta Formativa su Competenze Tecnico Professionali correlate al RRFP
Percorso Formativo Corso In Conduzione Dell’Oliveto E Di Gestione Del Frantoio
Figura di Riferimento 133 – tecnico delle attività di conduzione dell’oliveto e di gestione del frantoio
Durata (in ore) 210
Prerequisiti d’ingresso Giovani da 19 a 29 anni sulla base dell’analisi degli obiettivi di crescita professionale e delle potenzialità.

Titolo di Istruzione Secondaria Superiore o almeno 3 anni di esperienza lavorativa nell’attività profesisoale di riferimento.

LIVELLO DI COMPLESSITA’ Gruppo-livello B: identifica situazioni caratterizzate dallo svolgimento di attività che prevedono l’utilizzo di strumenti e tecniche e metodologie anche sofisticate e che presuppongono la padronanza di conoscenze tecniche e scientifiche specialistiche e di capacità tecnico professionali complesse; tali attività avviene in autonomia nei limiti dei rispettivi obiettivi e può inoltre comportare assunzione di responsabilità rispetto ad attività di programmazione o coordinamento di processi e di attività

Contenuti Formativi Concimazione dell’oliveto:
– Esigenze nutritive delle piante di olivo sia nella fase di crescita che nella fase adulta
– Caratteristiche agronomiche dell’oliveto per impostare l’intervento di concimazione
– Principali tipologie di concimi e fertilizzanti in commercio da impiegare nella concimazione dell’oliveto
– Sistemi di produzione eco-compatibili per sfruttare le potenzialità dell’agricoltura attraverso la realizzazione di investimenti innovativi (denominazione di origine e produzioni biologiche)

Difesa dell’oliveto:
– Dinamiche di comportamento dei parassiti sulle essenze vegetali interessate per poter attuare un piano di difesa efficace
– Principali tipologie di prodotti insetticidi e anticrittogamici presenti in commercio per poter individuare i formulati più idonei alla difesa dell’oliveto
– Criteri di impiego dei vari prodotti per la difesa in relazione alle varie fasi fenologiche delle piante ed alla tossicità acuta e residuale
– Elementi di base per una strategia di difesa di tipo biologico o a basso impatto ambientale nell’oliveto per poter limitare l’impiego di prodotti inquinanti in pieno campo

Operazioni di frantoio:
– Caratteristiche e patologie delle olive per effettuare le valutazioni qualitative della materia prima
– Caratteristiche delle principali cultivar di olivo della zona per poter ottimizzare la resa degli impianti di estrazione
– Caratteristiche tecniche e di funzionamento degli impianti di estrazione a ciclo continuo e discontinuo
– Norme di sicurezza sui luoghi di lavoro per minimizzare i rischi derivanti dall’impiego dei macchinari per l’estrazione dell’olio
– Norme di igiene nel frantoio (HACCP) per un miglioramento degli standard qualitativi di produzione
– Elementi della normativa relativa al settore olivicolo (DOP, IGP, agricoltura biologica) per la produzione di olio certificato
– Tecniche di autoaggiornamento a fronte della rapida evoluzione delle tecnologie e del continuo mutamento del quadro normativo/regolamentare di riferimento

Modalita di Valutazione Finale
degli Apprendimenti
In esito alla formazione della Sezione 3 del Catalogo , che prevede il collegamento tra i singoli percorsi e le competenze standardizzate nel Repertorio delle Figure Professionali della Regione Puglia, l’attestazione finale sarà una DICHIARAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI. Essa viene rilasciata dall’Organismo di Formazione e riporta le abilità e conoscenze acquisite attraverso la realizzazione del percorso formativo ed il superamento delle prove di verifica erogate dall’Organismo stesso.
La dichiarazione degli apprendimenti
Il processo di dichiarazione degli apprendimenti, richiede che i percorsi formativi prevedano i seguenti elementi:
– definizione di un dispositivo operativo di valutazione, ovvero le metodologie e modalità di valutazione per ciascuna Unità Formativa prevista nel percorso formativo;
– coerenza e la correttezza metodologica dello svolgimento delle prove intermedie previste;
– rilascio di eventuale “dichiarazione degli apprendimenti” con l’indicazione delle Unità Formative frequentate con successo per l’acquisizione di specifiche singole conoscenze e capacità relative alle competenze tecnico professionali previste nella Figura Professionale di riferimento (individuate nelle singole Unità di Competenza/Area di Attività).
La progettazione di tale prove sarà articolata per le singole Unità formative identificate nel percorso.
Ciascuna Unità Formativa prevedrà quindi una prova di valutazione degli apprendimenti in termini di conoscenze e capacità (relative a competenze tecnico professionali).
La dichiarazione degli apprendimenti è un’attestazione rilasciata nel caso in cui avvenga il superamento delle prove di valutazione degli apprendimenti relative ad almeno una singola Unità Formativa prevista nel percorso.
Attestazione Finale Dichiarazione degli apprendimenti

Unità di competenze correlate al Percorso Formativo

Denominazione AdA conduzione delle produzioni arboree, erbacee ed ortofloricole
Descrizione della performance eseguire gli interventi tecnici ed agronomici sulle coltivazioni scegliendo il momento migliore per condizioni climatiche, stadio di sviluppo della coltivazione e condizioni fitopatologiche della coltivazione
Unità di competenza correlata 1050
Capacità
  • eseguire le lavorazioni del terreno in sicurezza e nei tempi corretti
  • applicare metodiche e tecniche di impianto, coltivazione, riproduzione e manutenzione di piante arboree, erbacee ed ortofloricole
  • curare lo stato fitosanitario delle piante sulla base della valutazione dello stato stesso e delle disposizioni ricevute
  • eseguire le operazioni di concimazione, potatura e raccolta, sapendo scegliere il periodo più adatto per lo stato vegetativo della pianta e sulla base delle scelte produttive dell’azienda
  • utilizzare sistemi di protezione del terreno e delle acque
Conoscenze
  • basi di fisiologia delle piante e di botanica per comprendere le fasi fenologiche delle coltivazioni, le loro caratteristiche e i loro fabbisogni
  • caratteristiche dei trattamenti fitosanitari e diserbi per garantire il corretto sviluppo delle coltivazioni ed una produzione adeguata nel rispetto delle norme sugli usi dei prodotti fitosanitari e dei diserbanti
  • caratteristiche delle concimazioni per migliorare lo stato di fertilità dei suoli nel rispetto delle problematiche ambientali e delle caratteristiche del terreno e delle piante
  • metodi, forme e tecniche della lotta contro parassiti, malattie e disturbi fitopatologici
  • peculiarità di semine e trapianti per iniziare le coltivazioni rispettandone le caratteristiche vegetali, botaniche e di sviluppo
  • tecniche di piantumazione, produzione e manutenzione delle piante
  • tecniche di potatura e di raccolta per allevare le coltivazioni secondo lo standard produttivo scelto e raccogliere i prodotti nel modo più efficiente e sicuro
  • condizioni climatiche e caratteristiche delle lavorazioni del terreno per preparare il terreno alle coltivazioni e gestirne la struttura durante la coltivazione
Denominazione AdA gestione impianti, macchine ed attrezzature
Descrizione della performance curare gli impianti, le macchine e le attrezzature aziendali nel modo più idoneo e nel rispetto delle procedure di impiego e delle norme di sicurezza, curandone anche le elementari norme di manutenzione
Unità di competenza correlata 1051
Capacità
  • applicare procedure e tecniche di approntamento macchine, strumenti, impianti e strutture
  • adottare procedure di monitoraggio e funzionamento di impianti, macchine ed attrezzature
  • applicare procedure e metodiche per l’alloggiamento di macchine e attrezzi
  • impiegare le principali attrezzature agricole conoscendone l’uso specifico e le migliori condizioni di utilizzo
  • applicare procedure e tecniche di pulizia e di ordinaria riparazione
  • eseguire interventi di manutenzione degli impianti produttivi nei momenti adatti e nelle condizioni di sicurezza previste dalle norme
  • eseguire interventi di manutenzione ordinaria secondo specifiche direttive dell’azienda per permettere alle macchine e alle attrezzature di essere sempre efficienti
  • identificare le funzionalità di utilizzo di macchine, strumenti, impianti e strutture sulla base delle indicazioni di appoggio
Conoscenze
  • caratteristiche delle principali macchine e attrezzature per facilitare e migliorare le lavorazioni sia in termini di tempo che di qualità
  • elementi di idraulica e di meccanica legati al settore
  • forme di alloggiamento e di ricoveri
  • principali procedure di manutenzione macchine ed attrezzature per far sì che le macchine siano sempre pronte all’uso e possano operare in condizioni di sicurezza ed affidabilità
  • principali tipi e caratteristiche di impianti produttivi arborei ed erbacei per curarne la tenuta e la manutenzione ordinaria ai fini della migliore produttività
  • procedure e tecniche di monitoraggio e di individuazione e valutazione del malfunzionamento
  • tecniche di approntamento e funzionamento di macchine, strumenti, impianti e strutture
  • norme sulla sicurezza dei luoghi di lavoro per operare sempre in condizioni di sicurezza propria e degli eventuali altri operatori
Denominazione AdA produzione aziendale: dalla trasformazione alla vendita dei prodotti
Descrizione della performance effettuare la trasformazione dei prodotti primari dell’azienda ed eseguire le operazioni di confezionamento, conservazione, stoccaggio e vendita
Unità di competenza correlata 1802
Capacità
  • applicare ai prodotti destinati alla vendita i dispositivi di protezione e identificazione previsti
  • applicare indicazioni e norme in materia di igiene, sicurezza e qualità
  • controllare gli aspetti fisico-chimici, organolettici e microbiologici dei prodotti prima e dopo i processi di trasformazione anche attraverso esami di analisi chimica e microbiologica
  • applicare procedure e metodi di confezionamento dei prodotti
  • applicare tecniche di conservazione e stoccaggio dei prodotti
  • applicare tecniche di vendita dei prodotti
  • applicare tecniche e metodiche di base per la trasformazione dei prodotti dell’azienda
Conoscenze
  • caratteristiche e criteri di qualità alimentare
  • metodi e tecniche di trasformazione artigianale di prodotti agricoli primari in prodotti alimentari
  • normative relative a igiene, qualità, identificazione e protezione dei prodotti da commercializzare
  • principali analisi riguardo i contenuti e la qualità dei prodotti
  • tecniche di stoccaggio e conservazione
  • tecniche di vendita
  • forme e tecniche di confezionamento
  • caratteristiche merceologiche dei prodotti

Codici ISTAT correlati al percorso formativo

Codice Descrizione
6.4.1.1 Agricoltori e operai agricoli specializzati di colture in pieno campo
6.4.1.2 Agricoltori e operai agricoli specializzati di coltivazioni legnose agrarie (vite, olivo, agrumi e alberi da frutta)
6.4.1.3 Agricoltori e operai agricoli specializzati di vivai, di coltivazioni di fiori, piante ornamentali, di ortive protette o di orti stabili
6.4.1.4 Agricoltori e operai agricoli specializzati di colture miste
Top